Hombrewer, beerblogger, publican, beerfirmer… e ora anche il beershop itinerante

Birra Mundi beershop itinerante

Hombrewer, beerblogger, publican, beerfirmer… e ora anche il beershop itinerante. I mille volti della birra, i mille volti di Gigi Bonisoli.

Il mio amico Gigi è davvero un archetipo del dove. Del dove può portare la passione per questa bevanda semplice e al tempo stesso così complessa.

Prima appassionato (come tanti di noi) e collezionista seriale di sperimentazioni birrarie (come tanti di noi), poi alchimista casalingo (come parecchi di noi) e persino beerteller online (come alcuni di noi).

La sua iperbole brassicola è trascesa dal virtuale al reale quando s’è messo in testa di commercializzare una beerfirm tutta sua, cimentandosi con ingredienti audaci come ad esempio il tartufo, il miele e il rosmarino. E soprattutto quando s’è messo in gioco dietro alle sue spine… un contesto che però gli stava troppo stretto.

E così se n’è inventata un’altra il Bonisoli, “Gigius” per chi lo conosce attraverso l’altra sua vita – artistica – di cantautore (e parallelamente anche di web manager, che per diverso tempo ha curato il sito Internet ufficiale di Daniele Silvestri).

Perché non portare il Verbo della birra tra la gente, evadendo da quelle quattro mura? Detto, fatto. E’ nato così “Birra Mundi“, un beershop itinerante, che ormai da qualche mese sta colonizzando le piazze e le fiere di mezza Lombardia.

Pensateci: quante volte vi è capitato di imbattervi in una birra di qualità nel contesto di una festa popolare? Tranquilli, non state troppo ad arrovellarvi… era una domanda retorica.

Il fatto è che per gli appassionati è già un traffico andare a pescare col lanternino beershop davvero degni di questo nome, pur essendo disposti a macinare anche chilometri. Ritrovarsi di fronte a sorpresa un beershop itinerante è una sorta d’epifania.

Gigi, la sua Laura, l’impianto di spillatura, i refrigeratori, le tensostrutture, il bancone modulare e chi più ne ha, più ne metta sono on the road. Con lui le sue birre e quelle firmate da tanti birrai da apprezzare. Che dire: buon viaggio!

Tags from the story
Written By

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *